fbpx

Creatività vs. controllo: perché un breve fattore di influenza influisce

29 Gennaio 2020 Minfluencer

Creatività vs. controllo: perché un breve fattore di influenza influisce

Poiché l’industria dell’influencer marketing si evolve e progrediamo oltre il nuovo anno, ci sono molte ragioni per essere positivi riguardo al futuro dell’influencer marketing nel 2020. Vale a dire, gli influenzatori chiedono un maggiore controllo creativo e partnership a lungo termine con i marchi, aprendo il porta a campagne più ampie ed efficaci guidate dall’influencer.

Mentre questi cambiamenti nel settore promettono bene per il futuro del marketing degli influencer, significano che i brief rilasciati dai marchi ai creatori di contenuti devono adattarsi. Quindi come possono i marchi delineare chiaramente gli obiettivi, le aspettative, le linee guida e i risultati della campagna per qualsiasi potenziale influencer?

La lotta tra creatività e controllo

Creatività e precisione sono le anime del marketing e ciò che determina la differenza tra una buona campagna e una grande. Ma la gerarchia mutevole nella produzione creativa può essere una sfida quando si tratta di produrre asset e influenzare il settore del marketing.

Il controllo creativo è la prima preoccupazione degli influenzatori quando lavorano con i marchi: l’83% degli influenzatori britannici la considera la loro priorità principale secondo il recente white paper di Takumi . Nella comunità degli influencer, c’è la sensazione comune che i marchi i cui slip siano troppo prescrittivi mettano a rischio l’autenticità dei loro post. Questo può scoraggiare gli influenzatori, rendendoli più selettivi su quali marchi lavorare.

Tuttavia, il controllo è altrettanto apprezzato dai professionisti del marketing che vogliono proteggere l’identità del loro marchio. In particolare, uno su cinque marketer (22%) vuole influenzare l’elemento visivo del post dell’influencer.

C’è un equilibrio da trovare tra i marketer e gli influenzatori che sono fortemente protettivi nei confronti dei loro marchi e combattono per il controllo. Stabilire modi efficaci di lavorare che soddisfino entrambe le parti è la chiave del successo e il brief è fondamentale per questo. Coinvolgere gli influencer nel processo creativo dall’inizio della campagna è una potenziale soluzione che potrebbe aiutare il processo end-to-end a funzionare più agevolmente.

In definitiva, la chiarezza è la chiave. L’opportunità per i marchi di condividere un breve riassunto li rassicura, dando loro la fiducia che gli influenzatori comprendono i requisiti, gli obiettivi e i valori essenziali del marchio. Allo stesso modo, un chiaro riassunto è cruciale per gli influenzatori ed è stato identificato dal 75% degli influenzatori britannici come l’unico aspetto più importante della collaborazione con i marchi. La cosa più importante è non vincolare nessuna delle parti attraverso troppe informazioni o mancanza di esse! Una breve concessione concisa concede agli influenzatori la libertà di creare contenuti che siano autentici per il loro stile personale e per il loro pubblico, pur rimanendo in linea con le aspettative del marchio.

Stabilire collaborazioni di influencer a lungo termine

Con la maturazione del settore, sempre più marchi stanno integrando il marketing degli influencer nei loro piani pubblicitari e spese complessivi. Non stanno più solo immergendo le dita dei piedi nell’influencer marketing come progetti, ma piuttosto pensando a partnership esclusive ea lungo termine e al modo in cui si inserisce nel loro più ampio mix di marketing.

Questo cambio di mentalità viene ricambiato dagli influencer. Stiamo assistendo sempre più a creatori di contenuti che rifiutano campagne a breve termine e una tantum, preferendo invece costruire una relazione più stretta con un marchio per un periodo più lungo.

Mentre una relazione a lungo termine rafforza l’affinità dell’influencer per il prodotto, non è priva di sfide. Vale a dire, la necessità di stabilire chiaramente se la collaborazione sarebbe o potrebbe estendersi all’attività sopra la linea del marchio, come TV, riviste e cartelloni pubblicitari.

Questi diritti di utilizzo dei contenuti devono essere trattati nel brief in modo che entrambe le parti possano sentirsi sicure su come la collaborazione potrebbe progredire e comprenderne il valore. I brief di marketing di Influencer devono riconoscere, affrontare e rispettare questo cambiamento.

I brief devono adattarsi alle normative del settore

Rispetto ai media più tradizionali, come la pubblicità televisiva e radiofonica, il marketing degli influencer è una forma relativamente nuova di promozione del marchio e come tale le regole e i regolamenti hanno rapidamente preso forma – e sono ancora in evoluzione.

Nonostante il panorama normativo in evoluzione, l’ 87% del Regno Unito e il 97% degli influencer statunitensi si sentono fiduciosi nella loro comprensione delle rispettive linee guida ASA e FTC per l’etichettatura dei contenuti a pagamento.

Questa fiducia può sembrare positiva, ma dovrebbe suonare campanelli d’allarme per tutti i marchi che si fidano degli influencer per autoregolamentare i propri post, poiché il rischio di conformità dovrebbe essere sempre condiviso.

Di recente, l’ex concorrente di Love Island, Molly-Mae Hague, ha infranto le linee guida ASA sul marketing di Instagram e in situazioni come queste sia la reputazione del marchio che quella dell’influencer sono danneggiate dalla reazione negativa della stampa.

Per evitare ciò, i marchi devono assicurarsi che gli influencer siano pienamente informati sulle ultime linee guida. Se i marchi e gli esperti di marketing non si assumono la responsabilità di mantenere le linee guida attraverso un accurato briefing, monitoraggio e formazione, non vedranno i benefici del marketing degli influencer mentre il settore si evolve.

Il brief è fondamentale per le relazioni produttive tra influencer e marchi. I consumatori hanno chiarito cosa vince la loro fiducia e ciò che apprezzano: trasparenza, autenticità e onestà. Questi sono gli stessi principi su cui il settore dovrebbe costruire relazioni.

Marchi e influenzatori che si basano su questa base saranno i veri vincitori: il 60% dei 18-24 anni afferma che il contenuto dell’influencer ha informato direttamente una decisione di acquisto negli ultimi sei mesi e quasi un quinto si fida delle raccomandazioni sui prodotti degli influenzatori dei social media più di quelli di un amico. Questo è il potere del contenuto responsabile dell’influencer responsabile e il potenziale per ciò che può essere raggiunto se marchi e influenzatori lavorano a stretto contatto.

, , ,