fbpx

Come ottenere influenzatori per promuovere il tuo marchio

13 Gennaio 2020 Minfluencer

Come ottenere influenzatori per promuovere il tuo marchio

Abbiamo spesso parlato su come sfruttare un grande account Instagram per costruire una carriera redditizia.
Oggi voglio affrontare lo stesso argomento, questa volta dal punto di vista del marchio. In effetti, l’influencer marketing è uno strumento potente.

Man mano che questo canale di marketing sboccia, diventa evidente che c’è ancora confusione e incertezza su come affrontarlo. Il sessantuno percento degli esperti di marketing ha risposto a un sondaggio concordando sul fatto che è difficile individuare gli influenzatori corretti per una determinata campagna, motivo per cui ho voluto trovare un imprenditore o un marchio che si è fatto un nome attraverso l’influencer marketing; un marchio da cui altri possono imparare.

È così che mi è stato presentato Sean Kelly, fondatore di Jersey Champs, un’azienda di abbigliamento online che utilizza quasi esclusivamente influencer per vendere maglie. In una recente intervista, ho colto l’occasione per chiedere a Kelly in profondità la sua strategia d’influenza generale.

Agli inizi di Jersey Champs, Kelly era iscritto alla Rutgers University e gestiva la compagnia fuori dal suo dormitorio. Dopo aver visto un’opportunità commerciale nella popolarità delle maglie sportive, Kelly ha iniziato a vedere se poteva vendere maglie con design personalizzati che non erano necessariamente legati allo sport. Avanzano rapidamente di tre anni e Jersey Champs ha venduto centinaia di migliaia di maglie, con collaborazioni di influencer tra cui Logan Paul, rapper 2 Chainz e Logic, Mark Cuban e altre celebrità e atleti. Kelly attribuisce gran parte del suo successo alle sponsorizzazioni di celebrità e influencer, dicendomi che “all’inizio si trattava di inviare una maglia gratis a un influencer e pregare che l’avessero condivisa, e quando lo hanno fatto ha reso la nostra giornata, ma ora che siamo cresciuti così tanto e ne abbiamo capito l’importanza.

Kelly ha continuato spiegando che ci sono tre lezioni significative che ritiene siano state responsabili delle campagne di influenza di maggior successo di Jersey Champs:

1. Essere iper-specifici quando si considerano i partner.

Con così tanti influenzatori tra cui scegliere, considerare con chi collaborare può essere difficile. “Abbiamo definito il nostro cliente ideale assoluto e quindi costruito la nostra intera strategia di business e di crescita attorno a ciò, compresi gli influenzatori da cui lavoriamo”, afferma Kelly. Lui e il suo team hanno posizionato il loro marchio attorno a liceali e studenti universitari, e la loro scelta di segue l’influencer.

“Abbiamo trascorso molto tempo a cercare di capire chi seguono i nostri clienti su Instagram, la musica che ascoltano e chi guardano su YouTube per determinare a chi abbiamo raggiunto una partnership”, spiega. “Una volta scoperto un rapper o personalità che sta guadagnando popolarità, non perdiamo tempo a raggiungerli. “Kelly attribuisce molto di tutto questo al fatto di essere” attaccato “alla campagna pubblicitaria dei social media, facendo uno sforzo per prestare molta attenzione alla pagina Esplora all’interno Instagram, notizie di tendenza su Twitter e Google News, oltre a coinvolgere frequentemente i clienti.

2. Giudica il valore di un influencer sul coinvolgimento, non sulla dimensione del pubblico.

Con così tanti follower falsi e un pubblico privo di coinvolgimento, Kelly scherza sul fatto che è diventato un po ‘un detective di Instagram quando si tratta di individuare influencer. “Per alcune persone, è un calcio essere presenti su una pagina Instagram con un milione di follower, ma quando si tratta di vendite, la fedeltà del pubblico e il coinvolgimento è molto più importante”, afferma. “Ad esempio, collaborare con Logan Paul è fantastico per noi, perché ha un rapporto così forte con il suo pubblico, quindi quando indossa la nostra maglia sul suo podcast, sappiamo che la gente guarderà l’intero video e ci penserà molto. “È interessante notare che il 48 percento degli esperti di marketing che hanno risposto a un Influencer Marketing Hub ha indicato la fedeltà del pubblico come il fattore più prezioso quando si considera un influencer. Ma c’è una lezione potente qui per chiunque cerchi di lavorare con un influencer: mentre i seguaci impressionanti possono essere persuasivi, non riflette la lealtà. Secondo Kelly, “Jersey Champs è stato costruito sulla collaborazione con influencer reali con un pubblico fedele che li osserva, non solo personalità con seguaci grandi ma distaccati”.

3. Non accontentarti di un singolo post.

Una volta che sei sicuro della tua scelta di influencer, Kelly consiglia di fare tutto il possibile per massimizzare la transazione. “Quando iniziamo a parlare con un influencer, tiriamo fuori le idee su cosa possiamo fare con loro”, spiega. “Maglie personalizzate, omaggi esclusivi [e] modi divertenti di creare contenuti. Non si tratta solo di ottenere un singolo post sul loro feed. Vogliamo che desiderino promuovere il nostro marchio e vedere valore anche per loro. Ecco perché progetteremo una maglia personalizzata per aiutarli a “adescare” il loro pubblico in modo che siano più coinvolti. Si tratta solo di hype “.

Un’altra parte importante dell’estrazione di valore dagli influencer è l’accesso al loro pubblico per annunci a pagamento. Come parte della transazione, Kelly cercherà spesso di negoziare l’accesso al proprio pubblico di annunci su Facebook, in modo da poter integrare le promozioni dell’influencer con annunci a pagamento che promuovono Jersey Champs. Come conclude, “si ricollega al punto originale [sull’essere iper-specifici]. Una grande parte del marketing sta davanti al pubblico giusto, e se il tuo influencer lo ha già fatto, devi sfruttarlo in molti modi, non solo un singolo post. “

, , , ,